Vuoi ricevere gli articoli di BlogScienze per Email?
Inserisci il tuo indirizzo:

Battiti sotto controllo: sopra i 70 aumenta il rischio infarto

Pubblicato il 1 settembre 2008 da Giò

Contare i battiti del cuore ci può aiutare a capire se si è a rischio infarto o no. Diventa perciò importante, sia per i cardipatici che per le persone sane, ridurre la frequenza del cuore al di sotto dei 70 battiti al minuto.

battiti-sotto-controllo-sopra-i-70-aumenta-il-rischio-infarto Battiti sotto controllo: sopra i 70 aumenta il rischio infarto

Lo rivela lo studio “Beautiful” pubblicato su Lancet e presentato al Congresso della Società Europea di Cardiologia a Monaco.

La ricerca, coordinata dal professore Roberto Ferrari, presidente della Società Europea di Cardiologia, ha coinvolto10.917 pazienti con malattia coronarica in 781 centri di 33 Paesi dei 4 continenti.
Il professore commenta: «Per quattro anni abbiamo studiato l’efficacia dell’ivabradina, una molecola studiata appositamente ed esclusivamente per abbassare la frequenza cardiaca ed abbiamo dimostrato che tenere la frequenza sotto i 70 battiti al minuto con ivabradina riduce del 36% il rischio di infarto e di ben il 30% il rischio di un intervento alle coronarie in pazienti cardiopatici».

Ferrari conclude con orgoglio che il nostro Paese si rivela all’avanguardia in questo campo.

Condividi:
  • OKNotizie
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Diggita
  • Fai.Info
  • StumbleUpon
  • TwitThis
  • Upnews
  • ZicZac

Tag: , , , , , , , , , ,



Articoli Correlati

Articoli Recenti

Inserisci per primo un commento a questo articolo.

Scrivi un commento

XHTML: Puoi usare questi tag XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong> <pre lang="" line="" escaped="">