Vuoi ricevere gli articoli di BlogScienze per Email?
Inserisci il tuo indirizzo:

Festival della Scienza 2009: OneGeology-Europe – Quanto è importante la geologia nella società in cui viviamo?

Pubblicato il 30 ottobre 2009 da Giò

Giovedì 29 ottobre, presso la Sala dei Chierici della Biblioteca Berio, si è parlato di geologia: OneGeology-Europe è un progetto finanziato dall’Unione Europea e legato a OneGeology-global, che realizzerà la prima carta geologica paneuropea in scala di 1:1.000.000.

Festival della Scienza 2009 OneGeology-Europe - Quanto è importante la geologia nella società in cui viviamo

A parlarne sono stati Rosella Bertolotto dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure, Renata Briano, Assessore al Patrimonio Naturalistico, Caccia e Pesca della Provincia di Genova, Maurizio Burlando, Direttore del Parco Naturale Regionale del Beigua, Renzo Castello, responsabile del Servizio Geologico della Regione Liguria, Luca Demicheli, Segretario Generale dei Servizi Geologici Europei, e Ian Jackson, Direttore delle operazioni del Servizio Geologico Britannico e Coordinatore del progetto OneGeology-Europe.

“OneGeology vuole mettere la geologia in rete”, ha spiegato Jackson. “La geologia è un elemento centrale per la società in cui viviamo. Il cellulare, ad esempio, non esisterebbe senza i diversi minerali necessari per costruirlo. Studiare la struttura geologica di un paese è utile per conoscere il rischio di un materiale come il Radon, un gas radioattivo che provoca tumori. Gli studi geologici sono utili anche per studiare i cambiamenti climatici”. Alcuni paesi, però, non producono le mappe necessarie per individuare le zone a rischio. Il progetto One-Geology è attivo dal 2006 e vede la partecipazione di 111 paesi; tra questi c’è anche l’Italia. “I dati geologici vengono resi accessibili sul web indipendentemente dai loro formati. Le informazioni sono così a disposizione di tutti, anche di chi vive in paesi meno avanzati, e sono visibili sul portale www.onegeology.org“.

In Europa OneGeology è supportato dalla Commissione Europea, che finanzierà il progetto per due anni: “OneGeology-Europe è partito l’11 settembre 2008. Il nostro obiettivo è che l’Europa diventi leader nelle sfide globali in cui la geologia può avere un ruolo importante. Desideriamo inoltre che tutti i cittadini europei possano avere accesso ai dati geologici. Durante il primo anno di attività abbiamo cercato di capire quali sono i bisogni degli utenti, e abbiamo esaminato i dati esistenti, sviluppato il portale web e fatto progressi per quanto riguarda i dati ad alta risoluzione”.

Alcuni paesi non sono in grado di mettere a disposizione i loro dati geologici: “saranno i paesi più avanzati ad aiutarli a farlo. Il contenuto del nostro portale è all’avanguardia e le nostre idee potranno essere utilizzate anche da altre discipline”.

Se Ian Jackson ha parlato dell’importanza di agire a livello globale, Maurizio Burlando si è concentrato su una realtà territoriale davvero interessante: il Geoparco del Beigua, “la più grande area protetta della Liguria», ha spiegato il Direttore: “il suo patrimonio geologico fa parte della rete europea dei Geoparchi, nata nel 2000. Oggi sono 35 i territori coinvolti nella rete, che è riconosciuta dall’Unesco”. Chi ancora non conosce il Geoparco, potrà partecipare all’escursione di domenica 8 novembre, per scoprire il patrimonio geologico del Beigua. Il panoramico itinerario si snoderà lungo l’Alta Via dei Monti Liguri.

Renata Briano ha parlato dell’implicazione della geologia nel turismo: “la scienza deve supportare le decisioni politiche. La Liguria ha uno splendido territorio, e le emergenze geologiche sono sempre più delle attrattive turistiche. In particolare, il Parco del Beigua e le miniere di Gambatesa, in Val Graveglia, hanno permesso la rivalutazione dell’entroterra ligure”.

Rosella Bertolotto ha parlato del lavoro svolto dall’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente Ligure: “i nostri dieci geologi, il cui supporto è fondamentale, studiano i siti inquinati in terra e in mare, determinano i volumi delle discariche, controllano le cave, monitorano l’acqua sotterranea e i versanti franosi”.

Renzo Castello ha mostrato alcune carte geologiche che raccontano il territorio ligure: “si tratta di carte topografiche che rilevano i tipi di rocce affioranti. Abbiamo pubblicato la guida Itinerari Geologici Liguria, che raccoglie le caratteristiche geologiche, geomorfologiche, paleontologiche, mineralogiche e geo-archeologiche, ma anche naturalistiche e storico culturali del territorio e che trovate in libreria”.

Fonte: www.festivalscienza.it

Condividi:
  • OKNotizie
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Diggita
  • Fai.Info
  • StumbleUpon
  • TwitThis
  • Upnews
  • ZicZac

Tag: , , , , , ,



Articoli Correlati

Articoli Recenti

Inserisci per primo un commento a questo articolo.

Scrivi un commento

XHTML: Puoi usare questi tag XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong> <pre lang="" line="" escaped="">