English Translator Lingua Originale

Apple è davvero più “Green”?

Lunedì 22 Ottobre 2007

In seguito al successo della campagna “Green my Apple” e dell’eco guida di Greenpeace ai prodotti elettronici, Steve Jobs affermò che presto la Apple avrebbe scavalcato tutti i suoi concorrenti sulla questione ambientali. A circa sei mesi da questa dichiarazione, e a fronte di un “chiassoso silenzio” da parte del colosso di Cupertino, Greenpeace ha deciso di acquistare il nuovo iPhone e l’ha fatto analizzare da un laboratorio di ricerca indipendente nel Regno Unito.
I risultati ottenuti hanno riportato la presenza di composti pericolosi come il BFR e il PCV: nel caso di quest’ultimo, è emersa la presenza di alcuni ftalati (additivi tossici) del valore di 1,5 % del peso dei rivestimenti plastici dei fili dell’auricolari.

Un altro aspetto allarmante è determinato dalla batteria dell’iPhone, stranamente saldata al telefono, che non consente una sua facile sostituzione, oltre a complicarne riciclo e smaltimento.

Fortunamente, sul fronte Nokia e Sony Ericcson dei passi avanti sono stati fatti: entrambe, infatti, hanno rimosso i PCV e hanno quasi del tutto eliminato i BFR, oltre ad essersi fatte carico del riciclo dei loro prodotti (passo che invece Apple, ancora, sembra lontano dal fare).
Adesso si attende il nuovo lancio europeo (il prossimo mese) per promuovere, perché no, un telefonino “verde”…non ci resta che aspettare. (fonte: greenpeace.it)

di Anna Mennella

Pubblicato in Ambiente, Tecnologia | Nessun Commento »


La Apple annuncia che il prossimo 26 ottobre uscirà Apple Leopard, la nuova versione del sistema operativo MacOs X 10.5

Mercoledì 17 Ottobre 2007

Steve Jobs, fondatore e Ceo di Apple, vede in questa sesta versione del sistema operativo, basato su Unix di Apple, il miglior aggiornamento rilasciato finora.

Le innovazioni più importanti del nuovo Leopard sono relative ad un miglioramento dell’ interfaccia grafica e delle modalità d’uso.
Con Leopard, fanno il loro esordio gli Spaces, che portano su Mac i desktop multipli, consentendo di creare scrivanie virtuali attraverso le quali gli utenti possono spostarsi a piacimento, aumentando lo spazio di lavoro e i nuovi Stakes, un sistema che permettere di raggruppare i file all’interno di cartelle virtuali contenute nel Dock.
Coverflow è invece una tecnologia per visualizzare tutti i documenti come icone tridimensionali. Ogni icona presenta poi come immagine un’anteprima del suo contenuto.
L’ultima funzione, si chiama Quick Look ed è una funzione di anteprima direttamente dalle finestre del sistema operativo che permette di visionare l’intero contenuto di documenti audio, video, grafici e di testo senza bisogno di utilizzare l’applicazione che li ha creati. Questa funzione è stata concepita per esser usata insieme ad una funzione di ricerca avanzata di MacOs X chiamata Spotlight.
Apple ha creato anche Time Machine, procedura trasparente ed automatica di backup e ripristino dei dati.
Tra gli aggiornamenti rientrano iChat, strumento di videoconferenza e formazione a distanza, Mail, il programma di posta elettronica che cambia stile e layout Html.
Mac OS 10.5 modifica anche il dizionario di sistema che integra Wikipedia consentendo agli utenti di accedere in modo rapido e semplice a informazioni costantemente aggiornate.
I requisiti di sistema di MacOs X Leopard sono un minimo di 512 MByte di Ram e qualsiasi computer Macintosh con CPU Intel, PowerPC G5 o G4 con frequenza di 867 Mhz o più.
E’ possibile il pre-ordine sul sito al prezzo di 129 euro per una licenza o di 199 euro per cinque licenze (family pack).

Per un ulteriore approfondimento della notizia: BlogGiando.com

di G.V.

Pubblicato in Tecnologia | Nessun Commento »


Chiudi
Invia e-mail