English Translator Lingua Originale

Amazon crea Kindle, per leggere ebook e creare una biblioteca personale

Lunedì 26 Novembre 2007

Fa il suo esordio sul mercato Kindle, l’ebook di Amazon, l’impero che ha creato la più grande libreria on line. Jeff Bezos e Diego Piacentini hanno presentato lo scorso lunedì a New York l’idea nuova di casa Amazon.

amazon-kindle-ebook-biblioteca-01.jpg

Il risultato ottenuto dal primo esperimento hardware di questa ditta è uno smartphone con uno schermo ampio sul quale si possono leggere libri.
Lo schermo è in bianco e nero, l’alimentazione a batteria offre un’autonomia di 3040 ora mentre la ricarica avviene in 2 due.
Diego Piacentini, l’uomo più importante di Amazon dopo Jeff Bezos, spiega che”Basta accenderlo, e si è collegati in un attimo con un sistema wifi apposito che si chiama Whispernet, al nostro sito. Niente password, browser, niente. In un minuto si può scaricare un libro, e ne abbiamo già più di 40 mila nel catalogo apposito degli ebook. A questi si aggiungono migliaia di blog, riviste, quotidiani della portata del New York Times, del Washington Post, del Wall Street Journal ma anche internazionali come Le Monde o l’Irish Times, e poi molti giornali locali negli Stati Uniti. Con ognuno abbiamo fatto un accordo per la fruizione da Kindle, e con centinaia di altri siamo in trattative.”

amazon-kindle-ebook-biblioteca-02.jpg

Kindle è in vendita al prezzo di 399 dollari, compreso di hardware, software, consegna e collegamento ad internet mentre un libro nuovo si scarica a 9,99 anche se il prezzo dovrebbe scendere in futuro. Kindle consente già di leggere ben 90 mila i libri ma l’accordo stipulato con gli editori lascia intendere che tale cifra aumenterà di molto.
Ogni libro si potrà conservare nella memoria, che funge da biblioteca personale e che ne contiene fino a un centinaio, numero che raddoppia se si usa una memory card estraibile.
Dopo aver incontrato il favore del pubblico americano Amozon punta all’Europa dove conta di non trovar ostacoli sulla sua strada se non la rivalità che lo oppone all’ iPod-iTunes della Apple.
Per ulteriori informazioni: www.amazon.com

di G.V.

Pubblicato in Tecnologia | Nessun Commento »


Perché diventare scienziato? I successi nella ricerca di una giovane italiana, Federica Migliardo

Lunedì 29 Ottobre 2007

Nell’ambito del Festival della Scienza di Genova, il 30 ottobre, alle 17:00 presso la Biblioteca Berio - Sala dei Chierici, si terrà la conferenza “Perché diventare scienziato? I successi nella ricerca di una giovane italiana, Federica Migliardo”.

festival-della-scienza.jpg

ll giovane fisico Federica Migliardo racconta il proprio iter formativo e scientifico nell’affascinante mondo della ricerca, dalle motivazioni che l’hanno spinta a intraprendere questo percorso, con lo slancio di chi vive con entusiasmo la propria vocazione scientifica, alle più significative esperienze professionali realizzate in Italia e all’estero, che l’hanno portata a ricevere numerosi riconoscimenti in ambito internazionale. Federica Migliardo illustra altresì il suo attuale lavoro di ricerca sul trealosio, uno zucchero dalle straordinarie capacità bioprotettive sintetizzato da alcuni organismi per far fronte a condizioni di stress ambientale e oggetto di crescente interesse sotto il profilo della ricerca pura che applicata, e i riconoscimenti ricevuti per gli esiti dei suoi studi. L’incontro vuole esortare a superare la diffidenza e i pregiudizi nei confronti della Scienza, e motivare una partecipazione attiva alla creazione di un futuro consapevole e condiviso e per affrontare con successo le sfide del nuovo millennio.

Federica Migliardo, laureata in Fisica presso l’Università di Messina all’età di 22 anni, è autrice di numerose pubblicazioni e di circa 90 comunicazioni a congresso. Ha svolto una cospicua parte della sua attività di ricerca all’estero e ha ricevuto diversi riconoscimenti, come il “Premio Sapio per la Ricerca Italiana 2006″, patrocinato anche dal Senato della Repubblica e il “Premio Internazionale EUWIIN Special Recognition Award 2007″ come “Innovative research team member & leader.

da: festivalscienza.it

Pubblicato in Fisica, News | Nessun Commento »


Chiudi
Invia e-mail