English Translator Lingua Originale

Spettacolo a fine Dicembre: le comete Holmes e Tuttle illuminano il cielo mentre la Luna oscura Marte

Mercoledì 26 Dicembre 2007

Durante il periodo natalizio il cielo offrirà uno spettacolo mozzafiato con ben due comete ad illuminare il buio: dapprima la cometa Holmes e successivamente, precisamente il 30 dicembre, la cometa Tuttle, ruberà la scena alla collega perché si sovrapporrà a una galassia, la M-33, che si trova nella costellazione del Triangolo.

cometa-dicembre-holmes-luna-m33-marte-nasa-tuttle.jpg

La fantastica visione si completa con Marte che, in opposizione con una spettacolare Luna piena che gradualmente lo nasconderà, pian piano scomparirà.
La cometa Holmes è comparsa la notte di Halloween, il 31 ottobre, quando grazie alla sua bellezza, la sua immagine ottenuta dall’astrofisico italiano Gianluca Masi, del Planetario di Roma, è stata scelta dalla Nasa come “immagine astronomica del giorno”.
Dal momento della sua apparizione, la cometa Holmes ha espanso la sua chioma tanto da incontrare la breve la cometa Tuttle.
La visione sarà ottimale il 30 dicembre, quando anche con un semplice binocolo sarà possibile, da una postazione non disturbata da altre luci, vederla splendere.
Gli occhi dello spettatore saranno allietati dallo spettacolo che le due comete offriranno a poca distanza l’una dall’altra: nella stessa porzione di cielo si vedrà la cometa Holmes nella costellazione di Perseo e la Tuttle in quella del Triangolo.
Non bisogna dimenticare che anche Marte e la Luna saliranno sul palcoscenico del cielo di fine dicembre.
Emilio Sassone Corsi, presidente dell’ Unione astrofili italiani (Uai), spiega che il fenomeno è visibile solo parzialmente dall’Italia, dove a seconda delle zone si può osservare ogni 12 anni circa, mentre sarebbe apprezzabile a pieno nell’Europa orientale, fra Austria e Ungheria.

di G.V.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.
Pubblicato in Astronomia | Nessun Commento »


15 anni fa il 3 Dicembre nasceva il primo sms della storia

Domenica 16 Dicembre 2007

L’sms, l’acronimo dell’inglese “Short Message Service”, compie ben 15 anni. Correva l’anno 1992 quando il 3 dicembre l’ingegnere Neil Papworth ha spedito per la prima volta un messaggio da computer a cellulare con il testo “Merry Christmas”.

sms-anni-dicembre-short-message-service-15-neil-papworth.jpg

Un gesto che da allora è quasi automatico tanto da diventare una normale azione della nostra quotidianità attraverso la quale si possono esprime in un testo di massimo 160 caratteri gli stati d’animo più disparati .
In questo lasso di tempo si è potuto assistere anche alla nascita di un linguaggio tutto nuovo creato ad hoc ed abbreviato per concentrare più contenuti ed emozioni in uno spazio limitato.
Rappresenta un modo veloce ed economico di comunicare: in meno di 60 secondi raggiunge il destinatario che impiega in media 5 minuti per rispondere. La velocità nel digitare le parole e le proprie abbreviazioni è stata agevolata dall’introduzione dei dizionari T9, ossia algoritmi che cernano di indovinare la parola che si vuole scrivere così da ridurre il tempo necessario all’introduzione del testo.
Gli sms sono diventati anche protagonisti di clamorosi fraintendimenti, di tradimenti se magari inviati alla persona sbagliata ma hanno siglato anche l’inizio e la fine di numerose storie d’amore che hanno meglio espresso via etere le proprie più vere intenzioni.
Divenuto anche un mezzo di donazione di denaro ad enti od associazioni umanitarie, l’invio degli sms raggiunge il picco massimo durante le festività natalizie, vale a dire nel mese di dicembre quando fare gli auguri in maniera veloce e pratica diventa un’esigenza più che una moda, considerato il fatto che, tra regali, cene e feste, il tempo a disposizione si riduce drasticamente.

di G.V.

Pubblicato in Tecnologia | Nessun Commento »

Fa il suo esordio a dicembre il nuovo Family timer per le Xbox 360

Sabato 10 Novembre 2007

In ausilio ai genitori preoccupati per il fatto che i figli trascorrano troppo tempo a giocare con la console dinanzi alla Tv accorre il Family timer per le Xbox 360. Questo, altro non è che un cronometro che segna il tempo durante il quale la console è accesa.

360-dicembre-family-giochi-microsoft-pegi-timer-xbox.jpg

Alla funzionalità già posseduta dalla console di limitare o consentire l’accesso in base alla relativa classificazione dei contenuti (PEGI) si aggiunge un elemento che permette di rendere ragionevole e soprattutto vendibile l’uso del gioco sia al singolo che alla famiglia.
L’apparecchio avviserà attraverso una serie di messaggi quando sta per spegnersi e ciò permetterà al ragazzo di salvare la partita che stava portando avanti.
Robbie Bach, presidente della divisione Microsoft intrattenimento e tecnica, esprime la sua soddisfazione asserendo che “in coincidenza con l’allargamento della base dei consumatori, la domanda per questo tipo di caratteristiche aumenta”.
Le console dotate del timer saranno in vendita nel periodo natalizio, e ciò offrirà un motivo aggiuntivo per convincere anche i genitori più reticenti, che finalmente grazie al nuovo servizio di Microsoft, avranno in mano le redini del “gioco”.

di G.V.

Pubblicato in Tecnologia | Nessun Commento »


Chiudi
Invia e-mail