Blog Network BlogGiando BlogMotori BlogScienze BlogGente BlogNotizie     |     Social Network Plim! Plim! BG BlogFeedAggregator
Italiano flagInglese flag

Il laboratorio europeo Columbus lascia la Terra

Venerdì 8 Febbraio 2008

Il Columbus è stato lanciato oggi alle 20:45 CET, a bordo dello Space Shuttle Atlantis della NASA, dal Kennedy Space Centre di Cape Canaveral, in Florida. Per il suo viaggio di sola andata verso l’orbita terrestre, il Columbus è stato affidato alle mani esperte di un equipaggio composto da sette astronauti, di cui due europei: il francese Léopold Eyharts e il tedesco Hans Schlegel.

atlantis-columbus-lancio-shuttle-space.jpg

Mentre Hans Schlegel ritornerà sulla Terra al termine della sua missione di 12 giorni dello Shuttle, Léopold Eyharts rimarrà a bordo dell’ISS per oltre due mesi, con il compito di supervisionare la messa in funzione in orbita del laboratorio Columbus dell’ESA e delle sue strutture, nonché per eseguire un programma di esperimenti.

da: www.esa.int

Popolarità: 16%

Pubblicato in Astronomia | Nessun Commento »


La Nasa manderà in orbita il modulo Columbus il nuovo anno

Martedì 11 Dicembre 2007

Il lancio dello Shuttle Atlantis dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral in Florida, contente il modulo europeo Columbus, slitta al giorno 2 gennaio, data stabilita a causa di un’anomalia nel serbatoio del carburante.

shuttle-atlantis-kennedy-space-center-cape-canaveral-nasa-columbus.jpg

L’appuntamento del 6 dicembre è saltato poiché durante i controlli della navetta spaziale effettuati prima del volo si è riscontrato un malfunzionamento dei sensori posti sul serbatoio di alimentazione esterno dello shuttle, che contiene 2.273 milioni di litri di idrogeno e ossigeno liquidi necessari per la corsa di 8,5 minuti verso lo spazio.
I sensori fanno parte di sistema di backup che spegne i tre principali motori a idrogeno della navetta qualora in fase di decollo e in caso di perdita o altro problema il serbatoio restasse a secco.
Qualora una situazione simile dovesse verificarsi, l’efficiente funzionamento dei sensori sarebbe indispensabile, perché se i motori continuassero a funzionare il rischio di esplosione sarebbe altissimo.
Dopo la tragedia del Columbia nel 2003 e il cattivo funzionamento dei sensori avvenuto anche nel luglio del 2005, la Nasa prende tutte le dovute cautele.
Foto tratta da: www.esa.int

di G.V.

Popolarità: 20%

Pubblicato in Astronomia | Nessun Commento »

La prossima missione spaziale manda in orbita il Columbus

Martedì 4 Dicembre 2007

Al Kennedy Space Center in Florida si preparano gli astronauti che prenderanno parte al lancio in programma per giovedì 6 dicembre alle 22:31 a bordo dello Shuttle Atlantis con il volo Sts-122.

missione-spaziale-columbus-kennedy-space-center-shuttle-atlantis.jpg

Il gruppo di sette astronauti porterà in orbita un laboratorio scientifico europeo, il Columbus, che aggancerà alla Stazione Spaziale Internazionale sabato prossimo. L’Italia darà il proprio apporto al progetto, grazie al modulo che rimarrà all’esterno della stazione orbitante costruito dalla “ Carlo Gavazzi Space”.
Whitson, il comandante della stazione spaziale, ha già portato a termine altre tre passeggiate nello spazio e un altro seguirà nel mese di gennaio con il laboratorio giapponese Kibo. Infatti la Nasa deve ancora compiere 10 voli per portar a termine la costruzione della stazione orbitale dal valore di 100 miliardi di dollari e che coinvolge 16 paesi.
L’operazione che aggancia il Columbus alla ISS fornirà gli astronauti di apparecchiature che permetteranno di condurre ricerche scientifiche e tecnologie anche in assenza di gravità. Sarà pertanto possibile effettuare esperimenti nel campo della scienza dei materiali, della medicina, della biologia e della tecnologia.

di G.V.

Popolarità: 20%

Pubblicato in Astronomia, Tecnologia | Nessun Commento »

Missione compiuta: atterraggio perfetto dello Shuttle Discovery

Giovedì 8 Novembre 2007

Si è conclusa alle ore 19,01 con l’atterraggio al Kennedy Space Center di Cape Canaveral in Florida, la missione Esperia, che ha portato lo Shuttle Discovery in orbita per agganciare il Nodo 2 alla ISS preparando così la strada ad una futura espansione della base orbitante.

center-discovery-iss-kennedy-nespoli-shuttle-space.jpg

Sebbene l’atterraggio sia stato complesso ( mezz’ora prima di toccare il suolo lo Shuttle procedeva ad una velocità di 27.330 Km orari, cioè 15 volte quella del suono), esso ha siglato la giusta conclusione di un’avventura fantastica ed emozionante in cui non sono mancanti gli imprevisti, dai danni causati da due micrometeoriti allo strappo del pannello solare.
E’ doveroso ricordare tutti astronauti che hanno partecipato alla missione: la comandante , Pamela Melroy, il pilota George Zamka, Scott Parazynski, Doug Wheelock, Stephanie Wilson, Clayton Anderson, che ha lavorato sulla stazione spaziale per cinque mesi e infine l’astronauta italiano Paolo Nespoli, regista delle quattro passeggiate spaziali della missione.
Dopo i dovuti festeggiamenti per l’esito positivo della missione, gli astronauti hanno effettuato i controlli medici e salutato le famiglie.
Il prossimo atto aprirà il sipario il 6 dicembre quando sarà trasferito sulla ISS il laboratorio europeo Columbus che viaggerà con la nuova missione dello Shuttle Atlantis che partirà nuovamente dalla Florida.
Foto tratta da: space.com

di G.V.

Popolarità: 17%

Pubblicato in Astronomia | Nessun Commento »