English Translator Lingua Originale

Carrello della spesa intelligente a controllo della sana alimentazione

Mercoledì 10 Ottobre 2007

Il “Times” annuncia che sarà presentato al congresso annuale dell’Institute for Grocery Distribution (Istituto per la Distribuzione Alimentare) a Londra, un nuovo apparecchio, un carrello della spesa intelligente, che aiuterà i clienti dei supermercati a comprare cibi in modo oculato.

Tale strumento sarà l’ideale per tutti coloro che fanno la spesa spesso e male, che comprano tanti prodotti inutili e che soprattutto, dimenticano dinanzi agli scaffali, le direttive dei medici o dei dietologi.
Il carrello sarà capace, grazie alla lettura dei codici a barre, di segnalare su uno schermo tramite una luce rossa, se il prodotto è troppo calorico, ricco di colesterolo o altro, sostituendo così il buon senso che viene meno dinanzi a cibi succulenti.
Scartare i prodotti potenzialmente pericolosi non solo aiuterà i clienti a prevenire o combattere l’obesità ma soccorrerà anche le nostre tasche, poiché il carrello segnalerà anche la presenza di offerte o di prodotti maggiormente convenienti.
Inoltre, grazie ad una fidelity card, il carrello riconoscerà il cliente e lo guiderà in breve tempo verso le scelte più adatte alle sue abitudini alimentari e comportamentali.
Roberts, il direttore di EDS, la catena che ha prodotto i carrelli, sostiene che questa innovazione andrà incontro alle esigenze degli acquirenti che non hanno tempo per leggere le lunghe e complicate liste degli ingredienti e che servirà, se non a scoraggiare, almeno a metter in guardia il cliente che sta per mangiare del cibo spazzatura.

di Giovanna Votano

Pubblicato in Nutrizione, Tecnologia | Nessun Commento »


La spesa a portata di mano o meglio polpastrello!

Lunedì 1 Ottobre 2007

Gli Stati Uniti hanno già introdotto nei supermercati della catena Piggly Wiggly un nuovo sistema di pagamento che permette di saldare il conto della spesa grazie alle impronte digitali. Questo nuovo metodo permetterebbe di dare l’addio ai contanti, alle carte di credito e alle lunghe file nei supermercati introducendo una sorta di banca dati dei clienti (completa di dati personali e conto corrente d’appoggio) i cui polpastrelli, precedentemente scannerizzati e memorizzati, sono inseriti nel sistema del supermercato.
Una volta effettuata la spesa, il cliente non deve far altro che far passar il dito alla cassa ed il gioco è fatto!
Si riduce così, non solo il tempo d’attesa alla cassa ma anche il costo della transazione col bancomat o con la carta di credito.
In Germania, questo sistema introdotto dalla catena Edeka, ha già conquistato parecchi dei loro acquirenti, mentre in Inghilterra è appena partita la sperimentazione sotto il marchio di Midcounties Coop.
Quanto all’Italia … bisognerà ancora aspettare!

Per ulteriori informazioni: www.paybytouch.com

di Giovanna Votano

Pubblicato in Tecnologia | Nessun Commento »


Chiudi
Invia e-mail