Vuoi ricevere gli articoli di BlogScienze per Email?
Inserisci il tuo indirizzo:

Uomini sessualmente attivi e fertili con la dieta mediterranea

Pubblicato il 6 marzo 2009 da Giò

In occasione della nona edizione della Settimana della prevenzione andrologica (da lunedì 23 a sabato 28 marzo) organizzata dalla Società italiana di andrologia (Sia) con il patrocinio del Ministero del lavoro, salute e politiche sociali e del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, l’attenzione si focalizza sul tema dell’alimentazione.

uomini-sessualmente-attivi-e-fertili-con-la-dieta-mediterranea Uomini sessualmente attivi e fertili con la dieta mediterranea

Lo scopo è quello di sensibilizzare la popolazione maschile verso un corretto comportamento a tavola per migliorare la sfera sessuale in generale e fornire maggiori informazioni su come prevenire, diagnosticare precocemente e curare problemi come il calo del desiderio, l’eiaculazione precoce, la disfunzione erettile o le infezioni sessuali.

Stando a quanto riferiscono gli esperti, è importante non solo la qualità degli alimenti, ma anche la loro associazione e varietà.

Vincenzo Gentile, presidente della Sia, spiega: “Una dieta troppo ricca di carboidrati, ad esempio, può provocare una risposta insulinica anomala che ha come conseguenza il calo del testosterone. Preferire alimenti freschi, ricchi di antiossidanti, ridurre al minimo il consumo di grassi animali mantiene sano il sistema circolatorio e di conseguenza efficiente anche il sistema vascolare del pene, aspetto fondamentale per un’erezione valida”.

E continua: “Esiste un rapporto strettissimo tra disfunzioni sessuali, problemi cardiovascolari e obesità. La disfunzione erettile, in particolare, è sinonimo di una disfunzione dell’endotelio (il tessuto che riveste i vasi sanguigni) e come tale identifica un legame molto stretto tra pene e cuore, come confermano anche studi recenti. Si è infatti visto che la comparsa di disturbi dell’erezione è indice di un elevato rischio di infarto nei successivi 2 o 3 anni”.

Quanto all’infertilità maschile legata all’alimentazione, si ipotizza che l’assorbimento di sostanze che si accumulano sul percorso degli alimenti possa influenzare il sistema ormonale.

Per esempio gli idrocarburi usati in agricoltura o i prodotti usati per accrescere il peso degli animali d’allevamento, finiscono nella catena alimentare e col tempo interferiscono con la maturazione degli spermatozoi.

Per effettuare una visita specialistica gratuita in uno dei 235 centri specializzati (pubblici e privati) basta chiamare il numero verde 800 999277 per conoscere la struttura più vicina o visitare il sito www.andrologiaitaliana.it.

Condividi:
  • OKNotizie
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Diggita
  • Fai.Info
  • StumbleUpon
  • TwitThis
  • Upnews
  • ZicZac

Tag: , , , , , , , , , , , ,



Articoli Correlati

Articoli Recenti

Inserisci per primo un commento a questo articolo.

Scrivi un commento

XHTML: Puoi usare questi tag XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong> <pre lang="" line="" escaped="">