Italiano flagInglese flag
Hai un Sito o un Blog che tratta gli stessi argomenti di BlogScienze?
Pubblicizzalo!
Vuoi le News di BlogScienze nel tuo Sito? Clicka qui!
Aggiungi a Google

Silicon Valley apre le proprie porte agli imprenditori italiani

Mercoledì 28 Novembre 2007

Una nuova iniziativa non profit, “Mind the Bridge”, creata e proposta da Marco Marinucci, dirigente di Google e ideatore del progetto, attua un “business plan competition” col proposito di offrire ai vincitori la possibilità di presentare la propria idea imprenditoriale alla comunità d’investitori e imprese della Silicon Valley, uno dei principali generatori di innovazione tecnologica al mondo.

siliconvalley.jpg

Marinucci afferma a tal riguardo che “Il mondo imprenditoriale Italiano si trova oggi nella strana situazione di avere molte idee innovative ma di essere incapace di realizzarle. Le cause di questo fenomeno sono complesse, ma possono almeno in parte ricondursi alla mancanza di due fattori: una cultura imprenditoriale al passo con i tempi, e dei role model.
L’idea di “Mind The Bridge” è di dare la possibilità di avere accesso a entrambi questi elementi attraverso il migliore apprendimento possibile - l’esperienza diretta.”
I partner ufficiali di “Mind The Bridge”, sono BAIA (Business Association Italy America), SVIEC (Silicon Valley Executive Council), First Generation Network e il programma “Partnership for Growth” dell’Ambasciata Americana a Roma.
Tali associazioni, metteranno a disposizione i propri imprenditori e professionisti esperti per agevolare e migliorare le possibilità di sviluppo dei progetti migliori.
I business plan dovranno esser presentati sul sito www.mindthebridge.org entro il 21 Dicembre 2007. L’Ambasciatore Spogli annuncerà i vincitori in un evento che si terrà in Silicon Valley il 10 gennaio 2008.

di G.V.

Popolarità: 14%

Pubblicato in Tecnologia | Nessun Commento »


Decifrato il Dna del fungo responsabile della forfora

Mercoledì 7 Novembre 2007

Una ricerca rende noto che è stato scoperto il fungo responsabile della forfora: la Malassezia globosa. La notizia, pubblicata su Proceedings of the national Academy of Sciences apre la strada alla soluzione di un problema che colpisce metà della popolazione e soprattutto gli uomini.

centre-dna-forfora-fungo-gamble-innovation-miami-procter-valley.jpg

Lo studio condotto al Miami Valley Innovation Centre a Cincinnati e finanziato dalla multinazionale Procter and Gamble, è stato guidato dal professore Thomas Dawson. Questi, insieme al suo team, ha svelato che questo tipo di funghi abita nel cuoio capelluto e si nutre delle sostanze oleose prodotte dalla ghiandole sebacee. Successivamente, i funghi rilasciano sostanze tossiche che irritano l’epidermide. La pelle così si stacca a scaglie provocando l’antiestetico effetto “nevicata”, che cade a ritmi molto veloci in chi è affetto da tale patologia.
Gli scienziati che hanno sequenziato il genoma della Malassezia globosa hanno osservato che ha 4.285 geni scritti in 9 milioni di lettere di Dna.
Tale scoperta dovrebbe portare presto alla messa in commercio di lozioni e prodotti che vadano a minare ogni proteina secreta dal fungo.

di G.V.

Popolarità: 14%

Pubblicato in Biologia | Nessun Commento »


Chiudi
Invia e-mail