English Translator Lingua Originale

Cartella Clinica in 3D: Paziente Virtuale

Giovedì 27 Settembre 2007

Nel laboratori di Zurigo Ibm è stato realizzato un prototipo di software di visualizzazione - ovvero un paziente virtuale in “3D e ossa” - che consente ai medici di avere, con un semplice clic, tutte le informazioni relative al malato.

Si tratta di una cartella clinica elettronica che va oltre il concetto del semplice database a favore di un metodo che contempla l’interazione tra l’operatore e il sistema e che valorizza il contributo dato dall’esperienza professionale.

Il sistema, denominato Anatomic and symbolic mapper engine (Asme), semplifica notevolmente l’anamnesi del pazienti: muovendosi col mouse su una particolare parte del corpo dell’avatar, il medico lancia la ricerca e rintraccia in tempo reale le informazioni desiderate, dalla storia famigliare agli esami fino alle cure e agli interventi a cui la persona si è sottoposta. E con la funzione di zoom può anche restringere i parametri di ricerca.

“È come Google Earth per il corpo umano - spiega il ricercatore Ibm Andre Elisseeff, che guida i progetti sanitari nel Laboratorio di Zurigo -. Nella speranza di accelerare il passaggio alle cartelle cliniche elettroniche, abbiamo cercato di rendere le informazioni facilmente accessibili per gli operatori sanitari, associando i dati medici alla rappresentazione visiva, e semplificando così al massimo l’interazione con i dati che possono contribuire a migliorare l’assistenza ai pazienti”.
Asme utilizza inoltre la nomenclatura codificata della medicina, che comprende circa 300mila termini medici, per creare un ponte tra elementi grafici e documenti di testo.

Pubblicato in Medicina, Tecnologia | Nessun Commento »



Chiudi
Invia e-mail